Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/ukfxspsa/domains/musicadidattica.com/public_html/templates/gk_storefront/lib/framework/helper.layout.php on line 152 Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/ukfxspsa/domains/musicadidattica.com/public_html/libraries/cms/application/site.php on line 279

Lezioni

Ti racconto in musica (3)

  • Scritto da Alberto Defrancisci
  • Categoria: Lezioni
  • Visite: 1077

Gli interventi musicali: dove, come, quando e quanto.

Enfatizzazione musicale: analisi del racconto per individuare i punti che riteniamo più interessanti;

 

Cosa vogliamo enfatizzare:

Una prima analisi del testo da musicare ci impone di stabilire quali momenti valga la pena di arricchire con la musica.

 

- una canzone vera e propria crea uno stacco -> indicata per i cambi di scena, di sequenza o anche per sottolineare un momento veramente cruciale. Cercare di non eseguire più di 2 canti ravvicinati fra loro.

- un sottofondo musicale registrato, anche con aiuto di percussioni aumenta l’espressività di una scena -> indicato per parti narrate, dialoghi “intensi” di una certa durata, momenti in cui avviene un’azione particolare, anche senza il parlato...

- stacchi ritmici -> creano un momento di tensione, di crescendo del tono, senso di  movimento, spostamenti e camminate, passaggio del tempo...

 

- effetti sonori -> arricchiscono il racconto con infinite sfumature ed effetti più o meno particolari. 

Ti racconto in musica (2)

  • Scritto da Alberto Defrancisci
  • Categoria: Lezioni
  • Visite: 997

LEZIONE 2: PROVA E TROVA!

durata: 30 minuti circa (può essere il completamento della lezione1)

luogo: aula o laboratorio di musica 

 
Una volta che tutti gli alunni avranno provato i suoni e gli strumenti potremo incominciare a fare dei piccoli esperimenti con i suoni da loro trovati: questo ci potrà aiutare anche ad effettuare una sorta di catalogazione dei suoni stessi, in modo da poterli impiegare nelle nostre “produzioni musicali”.
Cominciamo da un suono/effetto alla volta per poi proseguire creando dei piccoli intrecci, magari legati a una semplice frase, detta dall’insegnante e resa espressiva con i suoni proposti dai bambini.
 
Gli alunni verranno abbinati agli strumenti dall’insegnante o con scelta autonoma. Non è necessario che tutta la classe suoni gli strumenti allo stesso tempo: possono essere individuati gruppi di alunni che, di volta in volta, si alterneranno. In ogni caso alternare gli alunni all’utilizzo dei vari strumenti, oltre a permettere l’esecuzione ad ognuno, dà la possibilità di individuare le migliori conformazioni/composizioni dell’orchestra.

A conclusione di questa prima attività, è possibile rielaborare il tutto su cartellone con gli esempi proposti dai bambini e le modalità che sono state individuate per realizzarli.
 
Per le basi musicali:
 

Ti racconto in musica (1)

  • Scritto da Alberto Defrancisci
  • Categoria: Lezioni
  • Visite: 1057

PREFAZIONE: Il corso si prefigge l’obbiettivo di dare alcune linee guida sulla “musicazione" di racconti da parte degli alunni. I racconti possono essere presi dall’esistente o inventati dalla classe...

LEZIONE 1:CACCIA AL SUONO!

durata: 30 minuti circa

luogo: aula o laboratorio di musica 

Proponiamo agli alunni una "caccia al suono": data un’emozione (che poi sarà presente nel racconto), ne sottolineiamo le caratteristiche, l’influsso sul nostro quotidiano e le associazioni con i vari eventi della vita.

…..

- Se dico “paura” a cosa pensate? In quali occasioni avete provato paura? 

…..

Dopo aver ricreato diverse immagini legate a questa emozione, si comincia la vera e propria “caccia al suono”.

A coppie (o a gruppetti di 3 o 4, non di più) gli alunni potranno incominciare l’esplorazione dell’ambiente (aula, laboratorio) alla ricerca di suoni che possano rievocare la sensazione della paura. Gli alunni individuano gli strumenti che, a loro parere, suscitano tale emozione, ma ne devono spiegare anche il motivo. Essi potranno sperimentare gli strumenti musicali, ma anche gli oggetti presenti nella stanza, sino ad arrivare, perché no?, all’uso del corpo e della voce: ciò che conta è la consapevolezza di ciò che il suono “organizzato” possa creare.

(L’insegnante, consiglia, interagisce, commenta e scrive su un cartellone gli strumenti/oggetti che vengono man mano individuati, quindi procede con il gruppetto successivo di “cacciatori di suoni”. Il resto della classe ha il compito attivo di valutare i suoni che vengono proposti dai cercatori e può, in ogni caso, proporre interpretazioni e suggerire idee.)

 
Per rendere ancora più suggestiva questa lezione consiglio vivamente di riprodurre alcuni sottofondi “emozionali” che potete trovare gratis sul mio sito:

Dalla libreria musicale...

Musica Didattica Volume 1

Musica Didattica Volume 1

Canzoni sulle stagioni dell'anno e canto...

View product
Musica Didattica Volume 2

Musica Didattica Volume 2

Canzoni sull'amicizia e i valori che...

View product