Deprecated: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/ukfxspsa/domains/musicadidattica.com/public_html/templates/gk_storefront/lib/framework/helper.layout.php on line 152 Deprecated: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/ukfxspsa/domains/musicadidattica.com/public_html/libraries/cms/application/site.php on line 279

L’esecuzione di parti ritmiche prevede l’utilizzo di qualsiasi strumento musicale, parti del corpo e anche di effetti sonori ricavabili dall’uso della voce. (!)

Dato che le parti ritmiche possono essere anche piuttosto semplici, sarebbe utile sperimentare con i bambini una sorta di scrittura musicale, da poter leggere per poter suonare anche in seguito i ritmi inventati. Per le classi dalla terza in su è previsto l’utilizzo di scrittura musicale di tipo convenzionale (le classiche note per intenderci...). Per il primo e il secondo anno, invece si può optare per scritture non convenzionali (palline colorate, righette...): in questo caso sappiate che ci sarà da sbizzarrirsi. Tuttavia, queste opere grafico-musicali andranno man mano trasformate per arrivare alla scrittura convenzionale. La notazione, in quanto scrittura, deve essere capita dalla maggior parte delle persone...

Oltre alla fantasia, avremo: la tipologia di ritmo adottata (varie combinazioni), gli strumenti impiegati, anche in configurazioni miste, e la dinamica sonora (forte, piano...). E' importante avere una chiara idea di ciò che vogliamo rappresentare con il nostro ritmo!

Ecco qualche esempio di "strumentazione", oltre al semplice battito di mani (ci tengo a ricordare che, a prescindere dai miei esempi, discutere con gli alunni è il modo migliore per trovare le idee!!):

- 1 o 2 o 3 dita sul palmo della mano 

- mani su petto, cosce, guance

- usare elementi di arredo, come la sedia, a mo' di tamburo (magari con i pennarelli come bacchette)

- usare suoni emessi dalla bocca, schiocchi, rotacismi, sibili  (per chi volesse approfondire, c'è addirittura una tecnica vocale chiamata scat)

- usare le parole, le sillabe, i suoni di vocali e consonanti (soprattutto in prima e seconda, un toccasana per la lettoscrittura!)

E così via! Ponetevi un obiettivo: troverete il suo ritmo!!!

Dalla libreria musicale...

Musica Didattica Volume 1

Musica Didattica Volume 1

Canzoni sulle stagioni dell'anno e canto...

View product
Musica Didattica Volume 2

Musica Didattica Volume 2

Canzoni sull'amicizia e i valori che...

View product